Patti24

 Breaking News

PATTI – Il Consiglio comunale: “Collegamenti ferroviari in Sicilia? Un insulto ai diritti di mobilità europea”

PATTI – Il Consiglio comunale: “Collegamenti ferroviari in Sicilia? Un insulto ai diritti di mobilità europea”
Marzo 24
15:03 2015

«Un insulto ai diritti essenziali di mobilità europea». Questo, in estrema sintesi, il giudizio espresso dal consiglio comunale di Patti sulla politica dei tagli ai collegamenti ferroviari da e per la Sicilia inaugurata dalle Ferrovie col (tacito?) assenso del governo centrale.

«Il 2 febbraio 2015 – scrivono gli esponenti dell’assise cittadina in una nota congiunta – le Ferrovie hanno ufficializzato l’Italia a due velocità». Una discriminazione che per i componenti dell’assise cittadina avrebbe fortemente penalizzato la Sicilia. Sotto accusa il piano organico di interventi infrastrutturali presentato alla Commissione europea dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, all’interno del quale non risulterebbe alcun progetto per la Sicilia.

«Non è più ammissibile – tuonano i consiglieri pattesi – consentire ad alcuno di attuare la logica dello scambio a perdere. La Sicilia vuole tutto ciò che le è dovuto, come ogni territorio europeo merita. Rivendichiamo anche noi treni di livello europeo su navi moderne a garanzia del servizio ferroviario analogo in tutte le regioni d’Italia; vogliamo indietro la metropolitana del mare, con mezzi veloci per i pendolari dell’area integrata dello Stretto; vogliamo che la Sicilia riacquisti il suo ruolo di porto commerciale del Mediterraneo anche attraverso il trasferimento di merci su rotaia per liberare le strade dai tir».

Redazione