Patti24

 Breaking News

NASO – Il vescovo mons. Giombanco ha ordinato diacono l’accolito Antonio Lo Presti

NASO – Il vescovo mons. Giombanco ha ordinato diacono l’accolito Antonio Lo Presti
Novembre 16
08:30 2020

Nella Chiesa Madre di Naso il vescovo monsignor Guglielmo Giombanco ha ordinato diacono l’accolito Antonio Lo Presti, della parrocchia “Madonna del Buon Consiglio e Santa Barbara” del centro nebroideo.

Una celebrazione che, indubbiamente, ha risentito delle restrizioni dettate dalla pandemia (inizialmente avrebbe dovuto svolgersi sabato 21 a Tindari), ma non per questo meno densa di significato e di gioia “perché – ha rimarcato il vescovo nella sua omelia – il dono che tu, Antonio, accogli in prima persona è per tutta la Chiesa.

“Antonio – ha sottolineato nella sua presentazione il rettore del Seminario Vescovile di Patti, don Emanuele Di Santo, ha, in questi anni di preparazione, mostrato sempre serietà e responsabilità. Ha saputo lasciare la scrivania del suo lavoro per rispondere alla chiamata del Signore”.

“Quel Signore – ha aggiunto monsignor Giombanco, sempre nel’omelia – che non mancherà di arricchirti con i suoi doni, chiedendoti di metterli a frutto, per il bene dei fratelli, perché il Donatore ti chiede di offrire la tua vita con fiducia e coraggio”.

“Dio – ha detto ancora – ha fiducia in noi e a noi chiede di rispondere alla sua fiducia con amore umile e sincero, perché il dono viene elargito non per meriti personali, ma per l’infinita bontà di Dio, buono e fedele”.

“In questa esaltante missione – ha esortato il Pastore della Chiesa Pattese – non basta solo l’impegno; sono necessari la preghiera, la fedeltà vocazionale, la vita evangelica. Vivere la carità significa amare per primi, amare tutti, amare sino alla fine, amare servendo. Ricorderai che hai ricevuto l’ordinazione diaconale nella Giornata Mondiale dei Poveri: sono loro che ti chiedono di mettere a frutto nel tuo ministero di servizio i doni che Dio ti ha dato”. 

“Carissimo Antonio – ha concluso monsignor Giombanco – ti accogliamo con gioia nella famiglia presbiterale e con la vicinanza vogliamo esprimere la nostra gratitudine e il sostegno per la tua risposta al Signore. La Vergine Maria ti accompagni con la sua intercessione materna perché tu possa ogni giorno testimoniare con la tua vita l’amore a Cristo nel servizio ai fratelli”.

Nicola Arrigo

 
Patti24
Gruppo Facebook 16.188 membri
Iscriviti al gruppo
 

Se adeguarsi vuol dire rubare, io non mi adeguo.

Se adeguarsi vuol dire rubare, io non mi adeguo.