Patti24

 Breaking News

MESSINA – Operazione Vicolo Cieco

MESSINA – Operazione Vicolo Cieco
Dicembre 20
12:54 2014

Sono ventotto le persone arrestate stamani dalla Polizia di Stato per traffico di droga. L’ordinanza di misura cautelare ha colpito al cuore un sodalizio criminale, operante su Messina e provincia, considerato la principale organizzazione in città dedita al traffico di sostanze stupefacenti, con esponenti riconducibili al Rione Mangialupi di acclamato spessore criminoso.

Fiumi di droga – hashish, cocaina, eroina e marijuana – sono stati acquistati in Calabria, stoccati, lavorati e distribuiti nel capoluogo peloritano e ben oltre i limiti territoriali di questa provincia, infiltrandosi nel limitrofo capoluogo etneo.

I soggetti raggiunti stamani da custodia cautelare in carcere sono 23; 5 gli individui agli arresti domiciliari . Sono stati tutti arrestati anche grazie alla collaborazione delle sezioni investigative dei Commissariati di Pubblica Sicurezza di questa provincia ed delle Squadra Mobile delle Questure di Siracusa, Enna, Catania, Trapani, Reggio Calabria, Catanzaro e Vibo Valentia. I risultati odierni raggiunti dalla Polizia di Stato contro il crimine organizzato sono il frutto di una lunga e complessa attività investigativa avviata dalla locale Squadra Mobile nel dicembre del 2010 quando 64 persone furono individuate e denunciate in stato di libertà a vario titolo come accoliti di un primo nucleo inserito nel narcotraffico.

I successivi sviluppi hanno poi delineato un gruppo ben più rilevante ed organizzato con una struttura tentacolare ed una propria rete di distribuzione capillare che permetteva di alimentare l’attività di spaccio al dettaglio, nonché di provvedere al rifornimento di altri sodalizi minori con spacciatori operanti su tutto il territorio. Non è stato semplice ricostruire il modus operandi del gruppo che operava con scaltrezza affinché nulla potesse trapelare.

Comunicazioni telefoniche brevi e criptiche, luoghi di volta in volta sempre diversi ove avviare e concludere trattative, schede telefoniche “pulite” ed autovetture non sospette per il trasporto di grossi quantitativi di droga hanno protetto il gruppo fino a quando immagini ed intercettazioni ambientali e telefoniche, completate dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, hanno smantellato, pezzo per pezzo, l’organizzazione criminale.

Il lavoro degli investigatori ha portato, infatti, a scoprire dapprima i ruoli, ben strutturati all’interno del gruppo: in cima alla piramide il capo indiscusso dell’associazione con il compito di pianificare tutte le strategie relative ai contatti con i fornitori, alla distribuzione della droga, all’esazione dei crediti maturati. Al suo fianco un braccio destro che lo coadiuvava in tutte le attività illecite concertando insieme le differenti strategie. A seguire il collettore del denaro delle partite di droga che provvedeva ad effettuare le consegne e a custodire lo stupefacente spostandolo di volta in volta.

E poi ancora i custodi presso la propria abitazione della sostanza stupefacente e delle attrezzature per il taglio ed il confezionamento, colui che aveva il compito di “degustare” la droga al fine di verificarne la qualità. Ed infine i pusher accreditati dell’intera associazione. I poliziotti hanno poi scoperto la zona operativa scelta dal gruppo, una vera e propria roccaforte nelle immediate prossimità del rione Mangialupi, il cui crocevia e sala operativa era un esercizio commerciale ben noto del quartiere, costantemente presidiato e reso ancora più difficile da penetrare dagli investigatori per la peculiare conformazione dei luoghi, caratterizzata da vicoli stretti e budelli ciechi. Uno di questi, appena un vicoletto, era principale luogo di trattative e scambi. Nel corso delle indagini durate anni, fu proprio la costante e certosina sorveglianza del vicoletto e dell’area limitrofa a consentire l’arresto del fratello del capo dell’organizzazione sgominata oggi resosi irreperibile il 19 dicembre del 2011 quando, nel corso dell’operazione Ruota Libera, si sottrasse alla cattura.

Fu stanato pochi giorni dopo, il 29 dicembre dello stesso anno. In quell’occasione fu arrestato in flagranza di reato anche colui che lo aiutò nella latitanza, ritenuto responsabile del reato di favoreggiamento personale e sequestrata la somma di euro 2.070,00 in banconote di vario taglio, denaro necessario per sostenere la latitanza dell’uomo. L’arresto del fratello del capo del sodalizio costituì uno step importante nel proseguo delle indagini caratterizzate ora da altri arresti e sequestri di droga come nell’agosto del 2011 o nel settembre dello stesso anno ed ancora nel gennaio del 2012 e di ingenti somme di denaro, profitto dell’attività di spaccio, fino a stamani, con l’arresto delle figure apicali del gruppo e dei principali accoliti. Durante le perquisizioni domiciliari di stamani, all’interno di alcune abitazioni, altra droga è stata rinvenuta, ben 600 grammi tra cocaina, eroina e marijuana, sequestrata dai poliziotti con la somma di 71.000 euro, ritenuta provento di attività illecite.

Redazione

Se adeguarsi vuol dire rubare, io non mi adeguo.

Cronaca Messina e Provincia

    MILAZZO – Tentata rapina impropria in un esercizio commerciale. Arrestato 64enne originario di Monforte San Giorgio

MILAZZO – Tentata rapina impropria in un esercizio commerciale. Arrestato 64enne originario di Monforte San Giorgio

Read Full Article
    MILAZZO – Irrompe nella cooperativa sociale in cui era stato ospite e tenta un’estorsione. Arrestato cittadino straniero 24enne.

MILAZZO – Irrompe nella cooperativa sociale in cui era stato ospite e tenta un’estorsione. Arrestato cittadino straniero 24enne.

Read Full Article
    SANT’AGATA DI MILITELLO – Estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un 42enne di Capo d’Orlando. Arrestato 62enne.

SANT’AGATA DI MILITELLO – Estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un 42enne di Capo d’Orlando. Arrestato 62enne.

Read Full Article
    MILAZZO – Percepiva il reddito di cittadinanza ma aveva barca a vela immatricolata in Belgio

MILAZZO – Percepiva il reddito di cittadinanza ma aveva barca a vela immatricolata in Belgio

Read Full Article
    MESSINA – Non accetta la richiesta di separazione ed aggredisce violentemente la moglie. Arrestato iraniano

MESSINA – Non accetta la richiesta di separazione ed aggredisce violentemente la moglie. Arrestato iraniano

Read Full Article
    TERME VIGLIATORE – Operazione “Take Away”, spaccio di sostanze stupefacenti. Eseguite 4 misure cautelari

TERME VIGLIATORE – Operazione “Take Away”, spaccio di sostanze stupefacenti. Eseguite 4 misure cautelari

Read Full Article
    LETOJANNI – Controlli sulla filiera agroalimentare. Sequestrati oltre 20 kg di carne priva di tracciabilità.

LETOJANNI – Controlli sulla filiera agroalimentare. Sequestrati oltre 20 kg di carne priva di tracciabilità.

Read Full Article
    LIPARI – Stavano asportando carburante da un serbatoio della centrale elettrica. Arrestati un uomo e una donna

LIPARI – Stavano asportando carburante da un serbatoio della centrale elettrica. Arrestati un uomo e una donna

Read Full Article
    FRANCAVILLA DI SICILIA – Aggredisce gli anziani genitori. Arrestato 57enne

FRANCAVILLA DI SICILIA – Aggredisce gli anziani genitori. Arrestato 57enne

Read Full Article
    MESSINA – Condannato all’ergastolo e detenuto in regime del 41 bis continuava a gestire aziende confiscate. Misure cautelari nei confronti di 6 componenti il nucleo familiare di un esponente del clan mafioso dei “barcellonesi”.

MESSINA – Condannato all’ergastolo e detenuto in regime del 41 bis continuava a gestire aziende confiscate. Misure cautelari nei confronti di 6 componenti il nucleo familiare di un esponente del clan mafioso dei “barcellonesi”.

Read Full Article

Se adeguarsi vuol dire rubare, io non mi adeguo.