Patti24

News

 Breaking News

MESSINA – Genitori aggrediti dal figlio 40enne per denaro. Distrutti mobili e suppellettili

MESSINA – Genitori aggrediti dal figlio 40enne per denaro. Distrutti mobili e suppellettili
Luglio 30
13:16 2018

Attimi di terrore per una coppia aggredita sabato scorso, in casa, dal figlio 40enne. Dopo l’ennesima richiesta di denaro, l’uomo, con problemi di dipendenza da farmaci e trascorsi da tossicodipendente, ha dapprima minacciato ed inveito contro padre e madre per poi scagliarsi contro mobili e suppellettili.

Al loro arrivo, i poliziotti hanno trovato l’uomo fuori di sé, a torso nudo e con una grossa pietra in mano con la quale colpiva ripetutamente l’inferriata della veranda. I genitori, in preda al panico, si erano chiusi dentro casa. Evidenti le tracce della furia con cui il quarantenne aveva distrutto e buttato per aria qualsiasi cosa gli venisse a tiro.

I poliziotti, dopo lunga e paziente opera di persuasione, sono riusciti a calmare l’uomo e a farlo sottoporre alle cure del caso da parte di personale 118.

Solo dopo, in maniera sofferta e penosa, i genitori hanno raccontato di un crescendo di aggressività e violenza verosimilmente dovuta all’assunzione di psicofarmaci, alle continue richieste di denaro e a preoccupanti scatti d’ira sfociati, nel caso specifico, nell’aggressione appena verificatasi. E’ emerso inoltre che il quarantenne era stato già tratto in arresto per il reato di maltrattamenti nei confronti dell’ex convivente e sottoposto agli arresti domiciliari presso l’abitazione dei genitori.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, i poliziotti hanno proceduto al trasferimento dell’uomo presso la casa circondariale di Gazzi in attesa della convalida da parte del GIP dell’arresto per maltrattamenti in famiglia ai danni dei genitori. L‘uomo è stato altresì denunciato per il reato di estorsione.

 

 

Redazione da comunicato stampa

 
Patti 24
Gruppo Chiuso · 15.270 membri
Iscriviti al gruppo
 

“Il mondo è iniquità: se lo accetti sei complice, se lo cambi sei carnefice.”

Jean-Paul Sartre

RSS Sicilia