Patti24

 Breaking News

FURNARI – ”Mettete i sigilli alla discarica di Mazzarrà Sant’Andrea”

FURNARI – ”Mettete i sigilli alla discarica di Mazzarrà Sant’Andrea”
Novembre 01
18:21 2014

E’ necessario disporre l’immediata ed improrogabile apposizione di sigilli alla discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, in tutto l’impianto che è stato illegittimamente realizzato.

La richiesta è del sindaco di Furnari, Mario Foti, che ha inviato un esposto, tra gli altri, al prefetto di Messina, Stefano Trotta e ad organi giudiziari e politici nazionali e regionali.

Foti fa riferimento come all’esito della conferenza di servizi tenutasi a Palermo, sia emerso che “la discarica di Mazzarrà Sant’Andrea è un’opera abusiva che impone una immediata chiusura”.

Una situazione, ha scritto ancora Foti, che continua a determinare un grave danno alla salute dei cittadini di Furnari e rischia di creare un danno ambientale irreparabile nel territorio circostante.

Ultimamente, ci giungono fondate notizie, prosegue Foti, che c’è la fuoriuscita continua e costante di un flusso di percolato non regimentato, che colerebbe lungo le pareti della gigantesca montagna alta circa 148 slm, con evidente danno ambientale alle falde del torrente e ad altre matrici del sottosuolo.

E’ palese ed accertato, ha concluso Foti, che la discarica di contrada Zuppà di Mazzarrà Sant’Andrea è un opera interamente abusiva sotto il profilo urbanistico ed edificatorio, è staticamente instabile e pericolosa ed insiste in un’area a rischio idrogeologico (R4) ed a distanza non regolare dal bacino idrico protetto nel quale si trovano i pozzi di approvvigionamento idrico del comune di Furnari.

Tutte queste situazioni di palese illegalità, aggravate dalla mancanza di un adeguato studio geologico, determinano una preoccupante situazione dalla quale potrebbe derivare un improvviso crollo con sversamento incontrollato di percolato nell’alveo del Torrente Mazzarrà.

Redazione

 
Patti 24
Gruppo Chiuso · 15.270 membri
Iscriviti al gruppo
 

“Il mondo è iniquità: se lo accetti sei complice, se lo cambi sei carnefice.”

Jean-Paul Sartre

RSS Sicilia