Patti24

 Breaking News

BROLO – Nuova versione del brano “A Te, Madre”, dedicato alla Venerabile Madre Nazarena Majone.

BROLO – Nuova versione del brano “A Te, Madre”, dedicato alla Venerabile Madre Nazarena  Majone.
Dicembre 19
13:14 2019

Il corrente anno 2019 riveste una particolare importanza per la Venerabile Madre Nazarena Majone “Mamma degli orfani e dei poveri”.

Infatti quest’anno ricade il 150° anniversario della nascita, nel piccolo centro di Graniti, di Maria Majone.

La giovanissima Maria,  frequentando la parrocchia di Graniti, ha avvertito fortemente il richiamo della fede sino ad entrare il 14 ottobre 1889, a far parte, con il nome di Suor Maria Nazarena, della nuova Famiglia religiosa delle “Figlie del Divino Zelo”.   

Una congregazione promossa da Padre Annibale Maria Di Francia, un sacerdote messinese dai nobili natali, che aveva impiegato tutti i suoi beni per dare sostegno agli orfani, ai poveri ed ai disagiati della città peloritana ed in particolare del popoloso e malfamato quartiere Avignone, dove Madre Nazarena spenderà parte della propria esistenza.

La sua vita è stata un dono e un impegno di tutta se stessa verso gli altri.

Il 20 Dicembre 2003 alla presenza del Papa Giovanni Paolo II è stato promulgato il Decreto relativo alle virtù eroiche di Madre Nazarena, che da quel momento venne dichiarata venerabile.

Per il sedicesimo anniversario, che ricorre, appunto, oggi 20 dicembre, è stata registrata la nuova versione del brano “A Te, Madre”, dedicato proprio alla Venerabile Madre Nazarena  Majone, interpretato da Fiorella Barnabei di Roseto degli Abruzzi.

La brava cantante rosetana, dotata di una splendida voce, ha al suo attivo l’incisione di numerosi brani, anche a tema religioso; l’autore del testo è il poeta Rosario La Greca, di Brolo, la musica è stata composta dai Maestri Giuseppe Faranda e Eugenio Favano.   

Nicola Arrigo

 
Patti 24
Gruppo Chiuso · 15.270 membri
Iscriviti al gruppo
 
Tags
Share
 
Patti 24
Gruppo Chiuso · 15.270 membri
Iscriviti al gruppo
 

“Il mondo è iniquità: se lo accetti sei complice, se lo cambi sei carnefice.”

Jean-Paul Sartre

RSS Sicilia