Patti24

News

 Breaking News

PATTI – Musicista pattese coinvolto in un progetto musicale che sta facendo il giro del mondo

PATTI – Musicista pattese coinvolto in un progetto musicale che sta facendo il  giro del mondo
settembre 10
12:58 2015

alessandro_gerlando04Si chiama WORLD MUSIC ed è un progetto che si fonda sulla collaborazione di musicisti provenienti da tutto il mondo. Insieme sperano di mostrare come la musica, la creatività e l’amore possano unire i popoli di tutto il mondo, al di là dei confini geografici, della cultura e della lingua. Ad essere coinvolto anche un musicista pattese, Alessandro Gerlando, attualmente residente in Polonia per motivi lavorativi.
Alessandro, bassista e chitarrista, è stato contattato via internet dall’ideatore del progetto, il dominicano Jesus Cabrera, e ha deciso immediatamente di aderirvi rispedendo al mittente la registrazione di una sua esibizione di Sitar, strumento musicale a corde dell’India settentrionale. Il giovane pattese si è esibito a Torun’, in Polonia, proprio ai piedi del monumento di Nicolaus Copernicus.

Ma veniamo al progetto:alessandro_gerlando03

Una canzone sola, suonata con un’enorme varietà di strumenti, alcuni davvero rari, per unico grande messaggio universale: “Tutti noi viviamo in un mondo pieno di sogni infranti. Noi tutti desideriamo e cerchiamo tante cose; ma spesso è veramente difficile trovare la via. Pertanto, affinché le cose si realizzino, occorre andare avanti lungo quella strada che lì, in quel momento, c’è ed esiste. Per cui non importa cosa si cerca o si desidera. E’ un bene andare da quella parte: accadrà precisamente ciò che si cercava e si desiderava. Poiché quando il cuore ci dice di andare da quella parte sussurrandoci “si”, tutti gli altri “no” che incontriamo lungo quella via non importano più”. Le parole sono di Junior Recio, ragazzo della Repubblica Dominicana che su sollecitazione dell’amico Jesus ha realizzato la canzone “I have a dream”.
Jesus, dopo aver chiesto a Junior Recio di scrivere il testo del brano, ha inviato ai musicisti la traccia audio (una bozza dove c’era soltanto una linea vocale, mentre tutti gli altri strumenti erano digitali). Successivamente, ognuno di loro ha inserito una melodia o un assolo. In seguito, tutti hanno rimandato il brano a Jesus con la propria parte musicale registrata sulla traccia precedentemente inviata, e un video che riprendeva ogni musicista in una zona rappresentativa della propria città. Il tutto è stato infine elaborato da un fonico canadese, Richard Cleaver, che ha mixato il brano curandone il suono.

 

Redazione

RSS Ultim’Ora Ansa

RSS Live Sicilia

RSS Repubblica

Archivi