Patti24

News

 Breaking News

PATTI – Il 20 aprile, nel Santuario di Tindari, monsignor Guglielmo Giombanco sarà ordinato vescovo

PATTI – Il 20 aprile, nel Santuario di Tindari, monsignor Guglielmo Giombanco sarà ordinato vescovo
marzo 13
11:46 2017

Il 20 aprile, per la diocesi di Patti, sarà una giornata di festa e di comunione. Alle 16,30, nel Santuario di Tindari, monsignor Guglielmo Giombanco, chiamato da Papa Francesco alla guida della Chiesa pattese, sarà ordinato vescovo.

L’ordinazione episcopale sarà conferita da monsignor Salvatore Gristina, Vescovo Mtetropolita di Catania e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana; consacranti saranno monsignor Ignazio Zambito, amministratore della diocesi di Patti, che ha guidato per quasi 28 anni, e monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, oltre ovviamente agli altri arcivescovi e vescovi presenti.

In vista dell’Ordinazione Episcopale di monsignor Giombanco, il Delegato ad omnia della diocesi di Patti, monsignor Giovanni Orlando, ha costituito alcune equipe di servizio al fine di organizzare al meglio l’evento: Équipe Liturgica, coordinata da don Basilio Scalisi e don Enzo Smriglio; Équipe Pubbliche Relazioni, coordinata dallo stesso monsignor Giovanni Orlando e don Salvatore Fragapane; Équipe Logistica, Accoglienza, Servizio d’Ordine e Sanitario, coordinata da don Giuseppe Gaglio.

Sono stati, inoltre incaricati per manifesti e stampa don Emanuele Di Santo e don Basilio Scalisi; per i sussidi per la preparazione spirituale nelle parrocchie don Basilio Rinaudo; per la progettazione e realizzazione di mitra e pastorale, doni della Diocesi a monsignor Giombanco, don Franco Pisciotta.

Il 22 aprile, alle 17,30, il nuovo vescovo presiederà la celebrazione della messa nella Cattedrale “San Bartolomeo”.

La diocesi di Patti saluterà ufficialmente monisgnor Ignazio Zambito il 13 aprile durante la Messa Crismale del Giovedì Santo, celebrata alle 9 nella Concattedrale “Santi Martiri del XX secolo”.

 

Nicola Arrigo

“La resilienza psicologica è la capacità di persistere nel perseguire obiettivi sfidanti, fronteggiando in maniera efficace le difficoltà e gli altri eventi negativi che si incontreranno sul cammino. Il verbo «persistere» indica l’idea di una motivazione che rimane salda.”

 

PIETRO TRABUCCHI

RSS Ultim’Ora Ansa

RSS Live Sicilia

RSS Repubblica

Archivi