Patti24

News

 Breaking News

MILAZZO – Ospedale. Infermiere obbligato a lavorare per 17 ore consecutive ”si sente male durante il servizio e finisce al Pronto Soccorso”

MILAZZO – Ospedale. Infermiere obbligato a lavorare per 17 ore consecutive ”si sente male durante il servizio e finisce al Pronto Soccorso”
marzo 18
10:00 2017

L’ episodio, verificatosi il giorno 15 c.m. avrebbe coinvolto due Infermieri della U.O. di Cardiologia e Unità di Terapia Intensiva Cardiologica del Presidio Ospedaliero di Milazzo che dopo aver effettuato il turno notturno, particolarmente faticoso, sono stati obbligati a continuare, senza interruzione, l’attività lavorativa anche per il turno mattutino per un totale di 17 ore continuative in violazione D.lgs n° 66/2003 – Legge 161/2014.

Il Segretario Generale Territoriale Fials Messina – Domenico La Rocca – con una nota indirizzata al Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina, al Direttore Medico del Presidio Ospedaliero dell’Ospedale ” G. Fogliani ” di Milazzo ed Alla Dirigente Infermieristica chiede di attivare una indagine di verifica ed accertamento dei fatti sopra esposti e qualora venissero accertate e confermate le violazioni e le responsabilità , di adottare i provvedimenti previsti.

Domenico la Rocca: ” Da quanto appreso, sembrerebbe che il turno mattutino fosse già carente in quanto erano previsti due soli infermieri per far fronte alle necessità assistenziali della Cardiologia con 12 posti letto e dell’ Unità di Terapia Intensiva Cardiologica con 8 posti letto.

Tale condizione ha fatto sì che il medico presente in guardia notturna, precettasse la permanenza al lavoro delle due unità infermieristiche smontanti dal turno notturno fino all’arrivo dei Responsabili della U.O. ( previsto per le ore 8,00 circa ).

Durante la mattinata, sembrerebbe che i responsabili della U.O. siano rimasti inerti ed in violazione delle norme citate in oggetto hanno permesso che le due Infermiere proseguissero la loro attività oltre il limite orario consentito ( ore 12 e 50 minuti la durata massima eccezionale).

Alle ore 12,00 ( dopo circa 15 ore consecutive di lavoro ) una delle due Infermiere precettate, come era facilmente prevedibile ( fortunatamente senza aver prima arrecato pregiudizio alla salute dei pazienti ricoverati), avverte malessere tale da dover ricorrere alle cure dei Sanitari del Pronto Soccorso. Mentre l’altra unità infermieristica avrebbe completato il turno mattutino fino alle ore 14,00 ( per un totale di 17 ore consecutive in violazione del D.lgs n° 66/2003 – Legge 161/2014.

Prosegue ancora ” Auspichiamo che simili episodi, che comportano gravi rischi per la salute psicofisica dei dipendenti e la sicurezza dei pazienti, non continuino a ripetersi per questo abbiamo chiesto di ricevere copia di tutti i turni di servizio del personale Infermieristico per verificare se nel tempo si siano verificati altri episodi.

Inoltre ci siamo riservati di interessare gli organi competenti per la tutela dei lavoratori in attesa di conoscere l’esito delle verifiche e degli accertamenti, che se confermeranno i fatti accaduti, potrebbero far emergere le gravi responsabilità da parte di chi ha il dovere di gestire ed organizzare le risorse ed i servizi nel rispetto delle leggi, dei contratti di lavoro e della sicurezza dei pazienti.”

 

 

Redazione da comunicato stampa

RSS Ultim’Ora Ansa

RSS Live Sicilia

RSS Repubblica

Archivi

Servizi foto e video per eventi e cerimonie, addobbi e palloncini, animazione e deejays